images/grafica/TESTATE_IUSVE_UNIVESITY_PRESS/COMUNICAZIONE-M-E-NM.png

Gli studi sulla comunicazione e sui mass media si sono sviluppati nell’ultimo decennio in Italia con ricerche e proposte formative per esperti del settore e per il pubblico. La sfida nei prossimi anni sarà di coniugare l’evolversi della tecnologia digitale con il mondo classico della comunicazione (Semiotica, Storia dei media, Teorie e tecniche della Pubblicità) e del marketing.

Il sapere accademico dovrà fornire linguaggi, sistemi di significazione, modelli antropologici, sociologici, psicologici e pedagogici sia ai professionisti che agli studenti universitari. I comunicatori che nei prossimi anni entreranno nel mondo della comunicazione dovranno infatti possedere le categorie necessarie per affrontare questo universo di sapere in continua e rapidissima evoluzione.

La collana “Comunicazione, marketing e new media” che fa capo al Dipartimento di Comunicazione dello IUSVE (Corso di laurea Triennale in Scienze e Tecniche della comunicazione grafica e multimediale e al Corso di laurea Magistrale in Creatività e design della comunicazione - Web Marketing & Digital Communication) ha come obiettivo lo studio, la ricerca e l’analisi del complesso mondo della comunicazione nel suo l’aspetto istituzionale, di design, di marketing e dei new media, proponendo un modello interpretativo antropologico, sociologico ed etico proprio del Progetto Culturale del nostro Ateneo.

L'immagine è un oggetto - Fondamenti di visual marketing con storytelling

Se si chiede a qualcuno di leggere un libro, con molta probabilità vorrà sapere quanto è lungo. Mentre se gli si chiederà di guardare un’immagine non ci verrà certo domandato quanto essa sia grande. Il libro viene generalmente identificato come fonte di contenuti e significati che, per essere esplicati, richiedono concentrazione e interesse, mentre l’immagine appare come oggetto in cui perdersi con distrazione e superficialità. Secondo l’autore, questo evidenzia un grave gap della nostra contemporaneità che va superato per non cadere in una sorta di neo-analfabetismo. Questo testo è una ricerca che sancisce la morte dell’oggetto in quanto essere dotato di una vita aprioristica e la sua rinascita come esito di molteplici e possibili rappresentazioni: l’immagine ha infatti assunto così radicalmente e visceralmente il compito di tradurre il mito dell’oggetto, che ne è diventata il contenuto.

Autore

Paolo Schianchi, architetto, fra i principali teorici del visual marketing. Attualmente è docente del Laboratorio di Total Design e Comunicazione integrata presso l’Università IUSVE. Ha diretto le testate ArchAEdilia e CE International e dal 2010 dirige i contenuti editoriali del portale internazionale floornature.com. Nel 1995 inizia l’attività di art director e designer, collaborando con aziende italiane e internazionali. Dal 2002 realizza mostre, convegni e concorsi.


Dettagli del libro
Indice:

Prefazione, di Mara Corradi

Gli occhiali del Tatuatore

1. Immagine, tempo e realtà si realizzano negli occhi di chi guarda

2. L’ immagine icona sulla superficie del tempo

3. L’ immagine non è imbrigliata nella storia, la tecnica sì

4. Visual marketing: il progetto delle immagini-oggetto

5. Tornare all’inizio

Bibliografia


Tipo prodotto: Libro universitario / professionale

Titolo: L'immagine è un oggetto

Autori: Paolo Schianchi

Editore: libreriauniversitaria.it

Collana: Comunicazione, marketing e new media

Data di Pubblicazione: 2013

ISBN: 8862924135

ISBN-13: 9788862924139

Pagine: 112

Formato: illustrato, brossura

Reparto: Politica e società > Società e cultura > Studi sui mezzi di comunicazione di massa

Per acquistare il libro, cliccare qui.

La strategia di comunicazione nell'era digitale

Come si può definire oggi una strategia di comunicazione per imprese che operano in ambienti competitivi complessi, in una realtà interconnessa e in costante evoluzione sociale, culturale e tecnologica? Come si comunica con consumatori disincantati, sempre più critici e consapevoli, attori interconnessi e non più soggetti passivi? Che piaccia o meno, gli utenti finali possono ora comunicare al mondo in prima persona con piattaforme come YouTube o Twitter come e perché amano o odiano un prodotto, un brand o un’azienda.

In un mercato così profondamente cambiato e interdipendente, le imprese sono necessariamente chiamate ad attivare e gestire le relazioni con i propri consumatori con maggiore consapevolezza e competenza comunicativa.

A questi temi il libro cerca di dare delle risposte, compiendo un’esplorazione nelle nuove dinamiche di comunicazione tra impresa e consumatori e indicando approcci, strumenti e tecniche per instaurare azioni comunicative efficaci che siano in grado di produrre valore per le aziende e per i consumatori.


Autori

Maria Pia Favaretto è docente di Communication Strategy and Media Planning ai corsi di laurea magistrale in Creatività e Design della Comunicazione e Web Marketing & Digital Communication dello IUSVE. Ha insegnato Marketing e Comunicazione Aziendale al corso di laurea magistrale in Economia dell’Università di Padova. Professionista della comunicazione da oltre due decenni, ha ideato innumerevoli campagne per aziende internazionali.


Dettagli del libro
Indice:

Presentazione

Prefazione

Introduzione

1. I nuovi indirizzi del marketing

2. Missione, visione e valori

3. Il piano di comunicazione: fase di analisi

4. Il piano di comunicazione: fase di strategia

5. Il piano di comunicazione: fase operativa

6. Il piano di comunicazione: fase di valutazione e verifica

Bibliografia

Sitografia


Tipo prodotto: Libro universitario / professionale

Titolo: La strategia di comunicazione nell'era digitale

Autori: Maria Pia Favaretto

Editore: libreriauniversitaria.it

Collana: Comunicazione, marketing e new media

Data di Pubblicazione: 2013

ISBN: 8862924127

ISBN-13: 9788862924122

Pagine: 170

Formato: brossura

Reparto: Economia e management > Marketing e pubblicità

Per acquistare il libro, cliccare qui.

Il diritto dell’informazione e della comunicazione

Il presente manuale nasce dalla necessità di comparare il diritto della Chiesa con il diritto dello Stato, nell’ambito dei diritti irrinunciabili della persona umana che gli strumenti della comunicazione sociale sono chiamati a consolidare. Entrambi questi diritti, anche se sovrani e indipendenti tra di loro, nell’ambito delle comunicazioni sociali sono così inscindibili che l’uno non può esistere senza l’altro, ed entrambi non possono contrapporsi, se non si vuole indebolire la comunità sociale e con essa i valori imprescindibili della persona umana: due ordinamenti giuridici non contrapposti quindi, ma giustapposti l’uno accanto all’altro, uniti nella sfida quotidiana che gli strumenti della comunicazione sociale propongono alla società moderna.

Autore
Nevio Brunetta è avvocato in utroque iure (foro Statale ed Ecclesiale) essendosi laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Padova e in Diritto Canonico presso la Pontifi cia Università Lateranense di Roma.

Avvocato di Corte Suprema di Cassazione e delle Magistrature Superiori è Dottore in Diritto Canonico e insegna, allo IUSVE nel campus di Mestre e Verona, Diritto dell’informazione e della comunicazione al Corso di Laurea in Scienze e tecniche della comunicazione grafica e multimediale. 

Dettagli del libro

  • Titolo: Il diritto dell'informazione e della comunicazione
  • Autore: Nevio Brunetta
  • Editore: libreriauniversitaria.it
  • Collana: Comunicazione, marketing e new media
  • Data di Pubblicazione: 2011
  • ISBN: 8862921721
  • ISBN-13: 9788862921725
  • Pagine: 352

Per acquistare il libro clicca qui.

Michel Gondry. Il gioco e la vertigine

Gondry è stato l’autore che più di ogni altro ha saputo trasformare quell’oggetto misterioso chiamato videoclip in prodotto artistico. Un “artigiano” dell’audiovisivo capace di fare della metanarratività terreno di sperimentazione tecnico-formale ed espressiva e di riprodurre – qualsiasi sia la forma adottata (videoclip, spot, documentario o lungometraggio) – i meccanismi (il)logici della mente e le fughe alle quali abbandonarsi per affrancarsi da una realtà fagocitante e ingovernabile. Attraverso le armi del gioco e del sogno, l’autore oppone alla contingenza una sorta di “caos organizzato”, specchio del cinema stesso, che diviene unica via di fuga possibile in un gioco vorticoso ed autoriflettente di scatole cinesi. Con Gondry la forma è il contenuto, le immagini sono pensieri che creano prodotti resistenti all’usura delle visioni e alla logica del flusso omogeneizzante delle forme audiovisive contemporanee per chiamare in causa lo spettatore in un gioco senza fine.

Autore
Cristiano Dalpozzo è docente di Teorie e tecniche della comunicazione audiovisiva, Scrittura creativa per i media e Copywriting presso l’Istituto Universitario Salesiano di Venezia-Verona (IUSVE).

Al lavoro di ricerca affianca l’attività di copywriter, autore e regista freelance collaborando alla realizzazione di format tv, spot e videoclip per importanti artisti, agenzie e network nazionali. 

Dettagli del libro

  • Titolo: Michel Gondry
  • Autore: Dalpozzo Cristiano
  • Editore: IUSVE University Press - Libreriauniversitaria.it
  • Data di Pubblicazione: 2011
  • ISBN: 8862921586
  • ISBN-13: 9788862921589
  • Pagine: 160

Per acquistare il libro clicca qui.